www.patriziaprestipino.it

 

Egr. Sign.ra Prestipino,

Sono uno dei tanti ragazzi che abitano al Laurentino 38 e che ogni sera frequentano la zona. Sia la mia comitiva che altri gruppi di ragazzi, ogni sera ci diamo appuntamento al piazzale antistante il mercato Laurentino. Esattamente da 3 mesi i nomadi si sono impadroniti del piazzale e del parco giochi che si trova lì e utilizzando i giochi per i bambini come stenditoi e lasciando una enorme quantità di immondizia sull'asfalto. Prima che arrivassero loro il parco, di pomeriggio, era pieno di bambini che giocavano tranquillamente, ma ora nessuno porta più lì i propri figli per paura. Per quanto riguarda la sera invece, prima si trattava di semplice "convivenza" con i nomadi, ma da qualche tempo sembrano aver deciso che dobbiamo togliere il disturbo, infatti ogni volta che entrano nel parcheggio puntano i furgoni nella nostra direzione a tutta velocità per poi fermarsi a pochi metri da noi ... tutto questo solo per impaurirci e per mandarci via.
Circa tre settimane fà ci siamo rivolti alla Presidenza del Municipio, segnalando che i nomadi sono arrivati dopo l'interruzione del passaggio delle volanti notturne della Polizia (che fatalità vuole, corrisponda all'insediamento della nuova Presidenza), per un paio di sere la Polizia è arrivata sgomberando i camper e le tende, ma qualche ora dopo sono tornati tutti li ed è tornato tutto come prima. Nelle sere successive non si è più vista un volante.
Non sò se Lei potrà fare qualcosa per questo problema, Lei ha fatto tanto per riqualificazione del nostro quartiere e finalmente si respirava un aria diversa ! Stanno rovinando tutto, e quando segnaliamo i problemi girano la testa dall'altra parte e ci ignorano!
La ringrazio a nome di tutti i ragazzi che frequentano il piazzale la sera, se leggerà questa mail per noi sarà già un grandissimo traguardo, perchè sapremo che qualcuno è finalmente a conoscenza del nostro problema.
Le invio Cordiali Saluti.
 
D.M.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------

Caro Daniele,

innanzitutto grazie per le belle parole che mi dici.
Poi sono molto rattristata nell'apprendere di continuo dell'incuria in cui versa il Municipio a cui ho dedicato due anni della mia vita senza risparmiarmi. E' un problema di coscienza e di impegno Dani e se mancano queste cose e il contatto con la gente i traguardi si allontanano... mi meraviglio poi che si tratti di un luogo da poco dedicato alla memoria di un ragazzo Riccardo Cini morto tragicamente in un incidente e la cui intitolatura era stata voluta da me per fare un ragalo ai genitori titolari del bar vicino.
Io quel parchetto anche per quel motivo lo facevo tenere pulito ci avevo aggiunto il gazebo e il tavolo per renderlo più gradevole e avrei anche messo una telecamera (quelle che ho fatto montare sul I ponte quando l'ho abbellito hanno funzionato e non ci è più stata una denuncia di vandalismo) se non fosse terminato il mio mandato..
Comunque lasciamo stare il passato...io come sai non ho molte competenze ora sul Municipio e se il Presidente non fa nulla davvero è molto grave...
Ora provo a denunciare la cosa sui giornali con l'opposizione e vediamo come finisce
per qualsiasi cosa chiamatemi allo 0667663677 o scrivimi a questa mail

un caro abbracccio al mio Laurentino

Pat

 

------------------------------------------------------------------------------------------------

Egr. Sign.ra Prestipino,

è stato per me un immenso piacere leggere la sua risposta, spesso non ricevo nemmeno le notifiche di lettura da alcuni suoi colleghi.
Ho letto con piacere le sue parole, mi è venuta anche un pò di tristezza a leggere quante cose sarebbero state installate nel piazzale ... purtroppo il tempo non è stato dalla sua parte.
Sono felice di sapere che qualcuno ancora si ricorda di noi, avrà visto con i suoi occhi quanto sono peggiorate le cose nella nostra zona.
Con la speranza che le cose si rimettano a posto al più presto, a nome mio e di tanti altri ragazzi, le invio un caro saluto.
La ringrazio per il tempo che mi ha concesso.

D. M.