www.patriziaprestipino.it

Leggi gli articoli

26/02/10 La moglie di... e se fosse il contrario? Corriere della Sera
25/02/10 La politica e l'amore: è una colpa? Articolo di Patrizia Prestipino. Corriere della Sera 

>>> scrivi un commento

I MESSAGGI

Carissima Pat, ti ho risposto subito e di prima mattina, con un sms, perchè, appena sentita la notizia, ti ho voluto esprimere la mia solidarietà, non solo come donna, no, ma perchè conosco la tua grande passione, il sentimento e la generosità che ti è propria nel fare politica e nella vita. Questo a me basta e non voglio confondere queste tue caratteristiche con il fatto che sei la compagna di un uomo politico importante. Non so dirti altro: non devi curarti di coloro che ti criticano non per motivi veri ma solo perchè vorrebbero essere loro al tuo posto. Dietro certe critiche si mascherano invidia e rivalità!! Tu vai avanti con le tue grandi qualità e sempre con il tuo quore che non devi abbandonare mai. tvb

…non ti curar di loro e ricorda sempre le 3P, Programmi, Passione e Professionalità.
un abbraccio

Nilde Iotti ..... Anna Kuliscioff ..... Hilary Clinton ....... quanti ne vuoi di esempi di grandi donne (compagne di politici importanti) che hanno e stanno lasciando il segno della loro politica ? lasciali perdere Pat, solo chi ama fare la "pettegola" e chi ha un approccio disgustoso con le persone, giudica e dà sentenze per sentito dire. Chi pensa questo ha una visione da superficiale osservatore e pensa che "fare" politica sia una passeggiata tra cene, salotti e tagli di nastri. Lasciali perdere Pat ..... sono esseri disgustosi e meschini. E poi che ti devo dire ...... anch'io da vecchio socialista e Garibaldino ..... ho sempre stimato Anita come Giuseppe perchè (come spesso viene rappresentata) a cavallo ......in una mano tiene la pistola e nell'altra il figlio in fasce (e la cosa non dovrebbe essere poi tanto semplice). un abbraccio forte
PS. naturalmente altra cosa è il mio giudizio sui privilegi delle signore della politica .... ovvero di quelle che hanno il marito in politica e per questo si fanno rifare la casa e la piscina dagli imprenditori che trafficano nel sottobosco della politica (vedi affaire ....mondiali di nuoto e salaria bordello village)

In passato in occasione dell'incontro del 2/12u.s. ti ho inviato un mio articolo dal titolo "Stereotipi e Pregiudizi un sorriso per riflettere"e in quell'occasione mi sarebbe piaciuto salutarti ma non è stato possibile.. Quello che leggo sui 2 articoli riflette quello che ho scritto e penso...la nostra società non ha la "cultura" per pensare e trovare del tutto normale che sia la donna quella che ha un ruolo magari più importante dell'uomo...e che comunque è perfettamente in grado con il suo solo lavoro ed impegno di andare avanti. D'altronde i messaggi che vengono inculcati nelle menti sono quelli che sono: donne come odalische non certo come soggetti pensanti e con una propria dignità. La strada è lunga, molto lunga e credo che stiamo andando indietro più che avanti... comunque noi non ci arrendiamo e continuiamo a lavorare ciascuno nel suo piccolo per una società più giusta. In bocca al lupo per la candidatura...

Risposta eccezionale e piena di Amore consapevole e responsabile . Purtroppo anche se siamo nel 2010 la donna ha “ruolo” solo se “moglie di” e non per quello che realmente è, per il suo “essere se stessa” , per la far valere la propria dignità di Donna.
E ancor di più questo vale nell’ambiente politico di oggi nel quale il maschilismo più basso e da caserma fa prevalere l’immagine di donne tutte “tette e culi” e niente cervello (poverette! Mi fanno veramente pena) Ti sono vicina in questa e in tutte quelle altre lotte che porterai avanti per il riconoscimento del Valore autentico che ciascuna donna Vera ha in sé Un grande abbraccio Farò girare la tua mail

Non mi sembra corretto il tono dell’articolo Paragonare Patrizia e Monica Cirinna con lisabella Rauti è corretto, parliamo di tre donne che hanno fatto e fanno politica attiva e non sono solo le mogli di…., donne che con il loro impegno hanno meritato la candidatura.
Non vorrei che questo confronto servisse solo per sviare l’attenzione dalle altre candidate del centro destra che non avendo mai fatto politica sono finite nel listino dei 14 “sicuri” . Non si puo fare di tutta l’erba un …”fascio”

Cara Pat, cosa ne penso? che stiamo tornando indietro invece di andare avanti. E' la solita storia degli uomini che non ci stanno a
dividere con le donne la capacità e la voglia di gestire la cosa pubblica e quindi per loro o le colleghe sono escort (ma lì il problema è di chi le mettein politica e sono solo "parvenu") o sono compagne di) anche se la storia è piena di mariti di) quindi grintosa, caparbia e capace come sempre. Senza contare che, alla luce dei fatti siamo più concrete, determinate e incorruttibili di loro (almeno la nostra
parte politica...) Un abbraccio affettuoso

Senza offesa e con simpatia Francamente e con tutto il rispetto l'argomento non mi suscita alcun interesse, semmai un leggero fastidio come le trasmissioni televisive di gossip pomeridiane. Senza offesa e con simpatia

Cara Patrizia, rispondendo in ritardo alla questione dell'outing in politica, riecheggiata anche dal Corriere della Sera, ritengo che nella politica, così come nel mercato, la singola persona conti molto più per le sue "virtutes" che per i suoi legami affettivi o di altro tipo con soggetti politici già affermati. Se mancano le "virtutes", i suddetti legami non le possono costruire né sostituire. Ti saluto con affeto e ti auguro buona domenica.
P.S. Che ne pensi dell'esodo recente di alcune personalità dal PD verso l'UDC, l'API, ecc.?
Con tutto il rispetto dovuto alle persone, io ritengo che si tratti di un episodio di chiarezza riguardo alla definizione dell'identità culturale e politica del PD. Mi spiego: il nostro partito, se vuole dare risposte credibili ai problemi di una società pluralista e crescere con essa fino a rappresentarla maggioritariamente al governo della Nazione, non può avere nel suo DNA tratti - e comportamenti - clericali che sono cosa ben diversa dagli autentici valori umanistici e liberali di Romolo Murri, Ernesto Buonaiuti, Luigi Sturzo, Alfred Loisy, Alcide De Gasperi, Romano Prodi e di tanti altri spiriti magni del cattolicesimo democratico e laico.

Cara Pat, sono secoli che la donna tenta di avere un ruolo pubblico indipendente dal "maschio" che sia o no compagno di vita. la tua lotta, la nostra lotta è lunga e difficile ma forse le nostre pronipoti godranno dei diritti che ora a noi sono negati. che dirti: continua così. è quello che dico a tutte le donne, a me per prima, ognuna nel proprio ambito professionale. la nostra ascesa è più impervia perchè comunque non dobbiamo dimenticare il nostro essere DONNE, cioè dobbiamo comunque avere quello "sguardo" propositivo nei confronti della famiglia che sia o no, per scelta o meno, allietata dai figli. forse sarò un po' all'antica ma per me la donna è prima di tutto angelo del focolare, signora della casa e sostegno della famiglia e questo lo ritengo un privilegio dettato dalla natura e non un onere umiliante e spersonalizzante. non amo la donna che strilla, amo la donna che FA nonostante tutto con intelligenza, discrezione, tatto, dolcezza, un po' di astuzia insomma una donna dotata di femminilità. come vedi ho usato il verbo fare. alla fine al di là di tante parole sono i risultati quelli che contano. in politica chi parla bene è sicuramente avvantaggiato, ma forse anche il comune cittadino comincia a comprendere che gli affabulatori non migliorano il Paese. ti dicono che tu sei la compagna di...lasciali dire e rispondi con ciò che hai fatto in proprio, mettendo a disposizione il tuo tempo, le tue energie e capacità. con affetto ti dico: non demordere, vai avanti e soprattutto sii sempre incrollabile nella fede, incorruttibile nelle decisioni, granitica nella moralità, specie in questo momento di grave degrado etico

PAT la tua lettera mi è piaciuta perchè si sente che è molto sincera. condivido poi da maschietto anche l'articolo della meli perchè sono sicuro che se in politica le donne avessero un posto più di primo piano il Paese ne avrebbe solo che grande giovamento un abbraccio

Quel 'passettino indietro' non odora di maschilismo ma ne puzza fortemente, e poiché la puzza è stagnante ricordati che il maschilismo ristagnerà nel nostro mondo (non nel solo Paese, purtroppo) ancora a lungo e dunque che nessun uomo farà mai quel passettino indietro per una di noi. Tu cerca di restare salda dove sei, listino o non listino. Tu sei una donna: la questione morale oggi è nelle tue mani e se come amica io sono contenta che tu sia innamorata, come cittadina lo sono ancor di più che tu abbia una vita sentimentale stabile e, scusa se oso, anche produttiva: quello che tu e il tuo partner 'politico' producete non sono figli ma idee. Cosa nasce prima, l'uovo o la gallina? Con affetto

Ciao Carissima, ho letto gli articoli che mi hai linkato…che vuoi che ti dica? Doverosissime le Tue precisazioni, per rispetto a Te stessa, alla fatica che fai ogni giorno per lavorare bene come lavori, per la Tua dignità di donna e, ti dirò di più, per la dignità di tutte le donne.. Sono stufa di sentire questi discorsi secondo i quali è sufficiente che una donna faccia bene il suo lavoro per attribuirne i successi all’uomo che Le è vicino, stufa di vedere le fatiche delle donne sempre eclissate da figure maschili, quando già la maggior parte dei settori lavorativi soffre di maschilismo…peggio che peggio, poi, se la donna in questione è pure bellissima come Te, mia cara….e stufa, non in ultimo di dover essere spesso costrette dagli eventi e dalla fatica e dagli impegni dei lavori che abbiamo scelto, a dover fare rinunce familiari-affettive forti, senza però che questo (per una “parità” che esce a galla solo a nostro danno, allora!)venga mai messo sul piatto della bilancia di chi si permette di giudicarci secondo lenti e metri di giudizio moooolto soggettivi.
Poi, chi ha scritto certe cose dimostra proprio di non conoscerti nel Tuo operato quotidiano e quindi, come giornalista vale zero perché significa che non si documenta neppure adeguatamente…e, che altro dire?..non mi pare che Tu sia scesa nel “Campo politico” solo da quando stai con il Dott. Milana, e, allora? E poi, questo maledetto vizio tutto italiano di farsi gli affari privati dei politici..ma le persone non vanno giudicate per come lavorano?...già, ma se uno è inattaccabile…
Insomma bella, non prenderla per adulazione, ma mi piace “cosa” pensi e “come” lo pensi, quindi mi piaci Tu e , come ben sai, non siamo in pochi a guardarti con ammirazione e stima, quindi non potrai che avere sempre la nostra incondizionata e cieca approvazione ogni volta che la tua delicata penna vorrà stagliarsi con tutta la forza del tuo Quore contro gente tanto cretina!!!
Un abbraccio enormissimo, anche più del BRAVA che sempre Ti meriti!! Fammi sapere cosa dobbiamo fare dello Sportello Mobbing Provinciale, ho detto tutto alla tua Alessandra, resto in attesa! Ciao, Ah!! Sono stata contattata da una Dirigente del Comune di Roma per Orcani, che mi ha fatto i complimenti per l’approfondimento della lettera che gli ho inviato e che pertanto presenterà ai suoi Vertici per proporla alla Avvocatura e sapere come definire la questione!!Sono contenta!!!Ciao!!!

Certo che, Cara Patrizia, non sanno piu che fare e dire, non trovi? Della tua vita privata sei padrona solo tu. Le tue scelte in amore non sono politiche ma scaturiscono da un sentimento che, peccato per loro, non tutti hanno. Come sempre sei una grande. Fregatene e vai avanti per la tua strada. Ti voglio dire una cosa: se eri un uomo e avevi lo stesso entusiasmo, la stessa forza, la lealtà che ti contraddistingue, io ti avrei “amato” lo stesso. Patrizia Prestipino for President…..e credimi ci credo e so che accadrà.
E come si dice a Roma “ alla faccia di chi mi vuole male”. TVB Patrizia

Tu hai sacrificato molto nella tua vita per la politica. E il tuo cruccio più grande (a mio avviso, è quello che mi sembra di aver capito leggendo le tue cose, in prims il libro) è di non aver avuto figli. Io credo che saresti stata una grande madre, di quelle che ai figli insegnano i valori veri. Il rimprovero che ti faccio è che hai lasciato la generazione nuova a mamme che creano figli meno intelligenti di quello che avrebbero potuto diventare i tuoi Non so se sono stato abbastanza chiaro... sto rischiando di incartarmi :-)

Carissima Pat,
ti ho risposto subito e di prima mattina, con un sms, perchè, appena sentita la notizia, ti ho voluto esprimere la mia solidarietà, non solo come donna, no, ma perchè conosco la tua grande passione, il sentimento e la generosità che ti è propria nel fare politica e nella vita. Questo a me basta e non voglio confondere queste tue caratteristiche con il fatto che sei la compagna di un uomo politico importante.
Non so dirti altro: non devi curarti di coloro che ti criticano non per motivi veri ma solo perchè vorrebbero essere loro al tuo posto.
Dietro certe critiche si mascherano invidia e rivalità!!
Tu vai avanti con le tue grandi qualità e sempre con il tuo quore che non devi abbandonare mai.
tvb Cetty

Carissima Pat,
ti ho risposto subito e di prima mattina, con un sms, perchè, appena sentita la notizia, ti ho voluto esprimere la mia solidarietà, non solo come donna, no, ma perchè conosco la tua grande passione, il sentimento e la generosità che ti è propria nel fare politica e nella vita. Questo a me basta e non voglio confondere queste tue caratteristiche con il fatto che sei la compagna di un uomo politico importante.
Non so dirti altro: non devi curarti di coloro che ti criticano non per motivi veri ma solo perchè vorrebbero essere loro al tuo posto.
Dietro certe critiche si mascherano invidia e rivalità!!
Tu vai avanti con le tue grandi qualità e sempre con il tuo quore che non devi abbandonare mai.
tvb Cetty

Carissima Pat,
ti ho risposto subito e di prima mattina, con un sms, perchè, appena sentita la notizia, ti ho voluto esprimere la mia solidarietà, non solo come donna, no, ma perchè conosco la tua grande passione, il sentimento e la generosità che ti è propria nel fare politica e nella vita. Questo a me basta e non voglio confondere queste tue caratteristiche con il fatto che sei la compagna di un uomo politico importante.
Non so dirti altro: non devi curarti di coloro che ti criticano non per motivi veri ma solo perchè vorrebbero essere loro al tuo posto.
Dietro certe critiche si mascherano invidia e rivalità!!
Tu vai avanti con le tue grandi qualità e sempre con il tuo quore che non devi abbandonare mai.
tvb Cetty

Cara Patrizia, Il commento a caldo che ti ho mandato a seguito della tua lettera al Corriere, cominciava col considerare un aspetto incontrovertibile: "E' di solare evidenza il fatto che Patrizia abbia sempre svolto e svolga ogni sua attività brillando di luce propria."
Poiché non vivi, e mai hai vissuto, di luce riflessa, la questione inizia e finisce qui.
Ogni altro argomento è solo contorno. Il "cuore" (in questo caso con la "c") della questione non lascia spazio nemmeno ai sentimenti, per quanto importanti e seri siano essi sentimenti. Tu sei una Persona dotata di altissime qualità, congenite, di empatia e di simpatia. Sono queste le doti che fanno luce nell'universo che ti circonda e che ti assicurano grande e diffuso consenso.
Le malevolenze, dettate quasi sempre dall'invidia, sono costantemente in agguato per contrastare il successo fondato sull'empatia e sulla simpatia. Alcune volte affievoliscono la voglia di lottare. Tu, invece, insorgi sempre con grande determinazione ed efficacia. E' un altro aspetto della tua "forza" di Donna impegnata, a tempo pieno, nell'attività politica che svolgi con la consapevolezza di essere portatitrice di nobili ideali e non di bassi e meschini interessi. Un affettuoso saluto e...sempre avanti!

Pat, complimenti x ...sei forte amica cara dimostrare con coraggio quello che si è e con chi si sta nel tempo della
ipocrisia in nome di una una falsa morale non è facile, ma non mi sorprende xchè fa parte del tuo essere donna leale e fiera, come potrei altrimenti volerti bene?

Dipende sempre dal "campione" di riferimento. Io personalmente neanche so che sia R. Milana, così come non lo sa gran parte della gente comune. Nel municipio XII penso sia più conosciuta tu che il tuo compagno!!!. Se poi la platea di riferimento (il "campione") sono persone faziose ed alla ricerca di notorietà attraverso la politica è naturale che emergano frasi come quelle espresse nell'articolo. Comunque, rimane il fatto che le persone oneste ti giudicheranno i tuoi risultati e il tuo "comportamento" politico non i tuoi compagni. ciao

Brava, Patrizia. Brava ad intervenire, non bisogna mai “fare il callo” ai luoghi comuni, soprattutto quelli che contengono disvalori e poco rispetto, anche al di là delle intenzioni di chi ci ricama sopra. Come giustamente dici, facendo politica è normalissimo che si sviluppino relazioni di affetto, amicizia nel proprio ambiente, succede in politica così come succede in banca o alla telecom.
Con la barbarie che impera e, purtroppo, avanza proprio nel settore dei valori e del rispetto umano, ogni goccia di saggezza è vitale.
Un abbraccio

Puntualizzare non fa male. E se poi la lettera viene dal cuore, allora non c'è nulla da spiegare. Io ribadisco: che tristezza i giornalisti che si attaccano a queste cose... Non ci sono problemi più grandi di cui parlare?! 
sul corriere della sera, aggiungerei.

 
 
ultimamente ho avuto modo d'imbattermi spesso sui tuoi sorrisi che trovo come quelli di una persona felice. W Patrizia W l'Amore
 
 
La tua lettera chiarisce bene i concetti. Trovo sempre sconvolgente che le Donne in gamba debbano essere sempre apostrofate o compagne/mogli di qualcuno o ricoprono quel posto perchè "l'hanno data a qualcuno" possibile che non si possa pensare che si siano guadagnate il posto occupato solo perchè velgono???? Pat tu sai quanto vali e lo sappiamo bene anche noi che ben ti conosciamo perciò non ti curar di loro.......
 
 
La tua precisazione si sente nascere dal "quore". Penso che tu abbia fatto bene a puntualizzare, in questo clima di gran confusione è sempre meglio sottolineare quando i traguardi raggiunti sono frutto dei propri meriti ...e non di altro.

 

se credi a quello che fai non curarti delle critiche,devi metterle in preventivo,continua a testa alta e dimostra giorno x giorno che la tua passione nella politica e' reale e essere donna non puo' essere una discriminante,pertanto da parte mia non mi rimane altro che spronarti ad essere piu' serena augurandoti ( come sinora hai dimostrato) un buon lavoro

 
 
 
"La verit... Mostra tuttoà è come il vetro che è trasparente se non è appannato.Per nascondere quello che c’è dietro 
basta aprire bocca e dargli fiato!" Troppa gente cara Pat apre bocca e gli dà fiato! chi ti conosce sa bene chi sei, la tua passione e il tuo impegno concreto come Presidente di municipio e il tuo lavoro ora alla Provincia e tutto il tuo percorso, o meglio tutto il tuo 'cursus' che ti sei guadagnata con onestà e fatica. Molto di più che 'la compagna di...', Patrizia Prestipino è quella dell'antenna abbattuta a fonte meravigliosa, quella della battaglia contro la discarica, quella dell'abbattimento dei ponti, quella del meeting delle scuole del municipio, quella delle campagne contro la prostituzione e contro l'abbandono dei cani, quella che sempre ha ascoltato e ascolta noi cittadini, quella del quore con q!............questa è Patrizia! 
 
 
Non ci dovrebbe proprio essere la questione,ma come molte altre del resto...non dovrebbe proprio esistere mai dicotomia tra le esperienze che ci suscitano sentimenti e sono magari pure appassionate e appassionanti.Anche perch... Mostra tuttoè altrimenti alle donne non riguarderebbero proprio...E invece, Patrizia cara, tu te ne occupi,anche di tanto in tanto.Amare comunque,se si ama sinceramente e veramente.Ogni donna,persona in genere,ha diritto ha entrambi.Ma nella consapevolezza che coniugarli significa un impegno aumenmtato esponenzialmente,che in realtà ispescisce la solitudine interiore,perchè è proprio complicata da gestire.Esiste hai voglia esiste il problema culturale,sta nelle teste nostre,dell'altro e degli altri.Ancora putroppo c'è.Noi donne siamo sempre evoluzione sociale prodotta da storie individuali,che durano epoca dopo epoca,l'una raccontata dopo l'altra per tessere conoscenza con esperienze.Patrizia...ei.. .bene
 
 
 
onestamente non sapevo che tu fossi la compagna di ..lo scopro ora..ti leggo spesso su facebook...qualche volta condivido..qualche altra no....ti vedo cmq molto presente, attenta...se poi, sei innamorata, beh ,sono contenta per te,perchè l'amore è sempre una bella cosa e il binomio amore /politica è perfetto...passione su passione....che male c'è?...ciao.
 
Secondo me è Riccardo che è il compagno di Patrizia Prestipino... :-)
 
 
 
E già...mica si è tutta la vita figlie mogli compagne madri di qualcuno...SI.E' DONNE FINALMENTE VIVENDO LA NOSTRA IDENTITA IN QUELLO CHE FACCIAMO CON IMPEGNO E CARATTERE
 
 
era esattamente quello che volevo dire, Gigia! Patrizia non ha nulla da invidiare al suo compagno, è in gamba e ha un dono: quello di sapere comunicare, non è da poco!
 
 
 
E' di solare evidenza il fatto che Patrizia abbia sempre svolto e svolga ogni sua attivit... Mostra tuttoà brillando di luce propria.Tantissimi amiche e amici, mia moglie ed io abbiamo conosciuto e apprezzato Patrizia Prestipino nei suoi diversi ruoli di intenso e totale impegno politico-sociale. Un impegno caratterizzato dalla consapevolezza di essersi posta al servizio del bene dell'intera comunità. A nessuno di noi è mai venuto in mente di associare il grande consenso che riesce a creare intorno alle sue originalissime iniziative al fatto che sia legata seriamente e sentimentalmente al suo compagno di vita.
La nobiltà dei suoi sentimenti sono il costante connotato dell'intero mondo di relazioni che riesce a realizzare intorno a sé.
Il suo libro "il quore nel Palazzo", che ha evidenti segni autobiografici, fornisce preziosi elementi di conoscenza sia dei suoi sentimenti che dei suoi orientamenti valoriali.
La sua recente lettera al Corriere della sera è una conferma ulteriore della sua capacità di affrontare in modo trasparente e con estrema sincerità ogni situazione.
Sempre avanti, Patrizia
 
 
 
Patrizia, solare e sorridenre, mi ha aperto la porta del suo ufficio, dando ascolto all'ultimo degli sconosciuti, ad un semplice facebookiano. mi ha dato fiducia, abbiamo parlato, a volte eravamo divisi (congresso), molte, molte volte eravamo insieme. Sempre con sincerit... Mostra tuttoà, verità, passione. davvero in ogni suo giorno mette anima vera e libera, dalla politica alla vita "normale", affetti, amicizie, sentimenti, paure, emozioni. La Patrizia "politica" a dicembre mi chiamò per dirmi "andrea, vieni a parlare. porta chi vuoi e dite quel che volete". ( a dispetto di tanti finti che vogliono intorno solo cortigiani consezienti..) La Patrizia PERSONA la settimana scorsa mi ha chiamato alle undici di sera per "sapere come stavo" perchè avevo dei problemi. Solo a dicembre dalla stessa Pat ho saputo di Riccardo Milana. Io mi relaziono con lei, con Patrizia, non con la donna di. E conoscere Patrizia è solo un onore ed un piacere. Ama un suo compagno di partito? ama un collega di lavoro? embe?? qual'è il problema? vogliamo vietare gli amori fra chi lavora nello stesso ambiente? Patrizia è così, è vera. Il resto sono solo chiacchere piccole piccole...
abbraccio arancione x te, Patrì ;-)
 
 
fregatene Patrizia di queste chiacchiere da bar dell sport...tu e chi ti conosce o segue la tua storia politica sa chi davvero sei,al di fuori dei sentimenti che per fortuna in questo mondo così brutto ancora ci sono...continua diritta per la tua strada,la nostra strada e guarda chiunque fisso negli occhi perchè tu te lo puoi permettere e nel tuo mondo non è cosa da tutti !!! ciao mio futuro "presidente del consiglio" :-)))
 
 
Non sei la sola in questo partito che si trova in questa situazione e non ho ancora capito di chi è la colpa...amore nato sui banchi della politica che finisce per discriminare le donne, farle fare passi indietro invece che il contrario, per non farsi dire, come dici tu: sono la donna di...
Perciò vai avanti e lascia che sia l'azione politica a parlare
 
 
 
Condivido pienamente il " pensiero " della cara Patrizia.
 
 
 
Condivido Aurelio: fregatene !!! Non ne vale la pena. 
Tanto la verità, chi ti conosce bene ed è onesto intellettualmente, sa che è un'altra. Sei Patrizia Prestipino (con pregi e difetti). PUNTO ! Le chiacchere se le porta via il vento..... Vai così Patri
 
 
Concordo perfettamente con Andrea Bivi (ciao Andrea, bacino!) Patrizia io l'ho conosciuta bene su FB, mi ha invitata nel suo ufficio colorato una mattina di settembre e mi ha "dedicato tempo". Nonostante la seguissi da dieci anni gi... Mostra tuttoà ho avuto modo e sto tuttora avendo modo di conoscerla bene e credo anzi sono certa che sia lapalissiano constatare la sua solarità, trasparenza, uraganicità. Queste sono doti "rarissime e importanti in politica".ma qui io torno a bomba con il mio pensiero forse romantico o forse basato su 33 anni accanto ad un uomo politico di grande statura morale ed etica: la politica e la vita non possono considerarsi disgiunti accidenti kantiani, la politica è in ogni cosa, da come parcheggiamo la macchina a come educhiamo i nostri cani o i nostri figli. Guai a chi dice "Non si parla di politica a tavola"....odio questo genere di affermazioni anacronistiche, qualunquistiche e superficiali. Cosa c'entra con l'oggetto della nota??? Tutto! Poi, carissimi mi chiedo perchè non si faccia il discorso inverso....ma ci devono rimettere sempre le donne? E poi detto tra di noi, io ho avuto l'esempio di mio nonno....x avere un nonno così io nella mia vita sono stata sempre penalizzata altro che aiutata! E penso che lo stesso accada a donne come Pat.
Ma non mi preoccuperei perchè Pat vola sempre e comunque!!!!!!!!!
 
 
Se ti sei sentita di scriverla hai fatto benissimo! Bella la lettera e giusta la distinzione fra questi "sentimenti e rapporti veri" e le "veline" berlusconiane... Chi vi conosce sa che tu e Riccardo siete cresciuti insieme uniti....quante volte vi siete anche scontrati....vai dritta per la tua strada sei la nostra "Patrizia" e basta!!!! Smack
 
 
E' bello sentirti dire che il lavoro che fai ti gratifica e questo è il motivo per cui riesci a fare tanto e bene!!!
Circa il sentirsi dire "Tizia, compagna di Caio" o "Caio, compagno di Tizia", non e' di per se riduttivo o insultante: dipende dal tono e lo spirito con cui lo si fa! Nel tuo caso mi sentirei onorata e non mi sentirei di assumere un ruolo subalterno! Potremmo citare esempi antichi di donne impegnate, e giudicate per se stesse, e non come satelliti del loro uomo (Nilde Iotti, compagna di Palmiro, ma alla quale (sia pure quando i tempi sono cambiati: ma oggi sono cambiati) e' stata riconosciuta piena dignita' ed autonomia politica); o recenti (Hilary Clinton, moglie dell'ex-.presidente, a sua volta marito della attuale Segretaria di Stato). 
Stanti queste premesse, prendersela per essere stata definita come la "compagna di" non deve essere assolutamente riduttivo per te.
Tutti conoscono la tua autonomia come figura politica e che non sei certo un satellite di un uomo impegnato e non lo sarai mai!!! Sei l'altra meta' del cielo del tuo compagno di vita, punto e basta!
Baci. ...
 
 
Come fai a credere che la maggior parte delle persone possa capire certe parole? 
Si fa prima a usare i luoghi comuni che il cervello...
 
tu rappresenti noi donne.per noi è una colpa fare politica.è doppiamente una colpa se amiamo qualcuno che fa politica comenoi.ma gli sciacalli non sanno a quante rinunce per amore della politica e a volte anche per amore della persona che ci sta accanto dobbiamo fare.grazie a te quindi per averlo detto con coraggio e con parole che solo una donna può tirare fuori.
 
 
) Dovevano scusare l'igienista dentale, l'ennesima valletta, soubrettina, gallina, velina, letterina, che si dovrebbe un giorno, non sia mai occupare di sanit... Mostra tuttoà e di vita e di morte o di cultura come fanno Mara Carfagna, Brambilla, Gelmini... E allora la prima cosa che i media fanno è andare a vedere che succede anche a sinistra.. E chi ti trovano? Una fidanzata .. Capirai. Ma la notizia che passa è quella. 
2) conseguenza dell'arretratezza culturale italiana sulle questioni di genere. Non si può fare nulla, se sei donna, non sia mai carina, che non sia ovviamente passato per vie di letto. Cosicché è evidente che alle donne si chiederà perennemente quello...etc etc etc etc. 
Insomma gira che ti rigira.. ci ritroviamo sempre agli anni '50.
 
E' oiù che normale. per una che come te da anni,( forse ormai quasi venti?) fa politica a tempo pieno, prima dal quartiere,poi in circ.nefino in Provincia, inciampare in quella bella cosa che è l'amore nell'ambito in cui si passa e soprattutto si condivide gran parte del proprio tempo!