WWW.PATRIZIAPRESTIPINO.IT

 

DISCARICA AL DIVINO AMORE. LA FARSA CONTINUA…SULLA PELLE DEI CITTADINI!!

di Patrizia Prestipino

Le distorsioni riguardo alla storia della discarica sembrano non avere fine! Come anche la stampa mi ha riconosciuto da più parti, ho avuto l’onere e l’onore di avere per prima allarmato l’opinione pubblica sulla discarica per rifiuti pericolosi al Divino Amore, dopochè un inquietante silenzio si era reso complice dell’intera vicenda.
Colpevole solo di aver denunciato la cosa, la Margherita ha di recente subìto un attacco frontale dal centrodestra del Municipio XII per mezzo di manifesti menzogneri che hanno il solo scopo di confondere le idee ai cittadini per celare le reali responsabilità di qualcuno.
Vi riassumo in breve la VERA storia.
Nel settembre scorso, allarmata dalle voci dei cittadini, presento una interrogazione urgente al Presidente del XII Municipio Pollak sulla questione della discarica. Avendo egli risposto di non saperne nulla, parto subito alla caccia della documentazione apprendendo quanto segue.
Un società di smaltimento rifiuti di Pomezia, spinta da reali necessità, chiede alla Regione Lazio di poter realizzare una discarica per rifiuti pericolosi e per il fluff, materiale residuo delle carcasse di auto. Il sito viene individuato nel XII Municipio, zona Falcognana-Divino Amore, e subito parte l’iter delle autorizzazioni. Uffici ed Enti che fanno capo alla Regione Lazio (dipartimenti interni, Valutazione Impatto Ambientale, l’ARPA con qualche criticità) danno tutti pareri favorevoli. Nella Conferenza dei Servizi interna al Comune di Roma del settembre 2002 i sei uffici convocati dicono no alla discarica ma – udite udite!!- risulta assente il Municipio XII!! La Valutazione finale di Impatto Ambientale dell’Assessorato del Comune è categorica: il parere è NEGATIVO, in quanto per Piano Regolatore trattasi di zona H2, agro romano con forte vincolo ambientale ed idrogeologico. Ciò nonostante, nella ultima Conferenza dei servizi convocata presso la Regione due mesi dopo, tutte le parti presenti (Provincia compresa) dicono sì, aprendo di fatto la strada alla ordinanza della Regione Lazio del 4 aprile 2003 , a firma Marco Verzaschi, in cui si autorizza la realizzazione della discarica in quella zona protetta dell’Agro Romano.
Ora -chiediamo noi- perché il Municipio XII continua ad affermare di non essere mai stato invitato ad esprimere il proprio parere quando le carte provano il contrario? Come faceva il Presidente Pollak a non sapere nulla, quando l’Assessore Verzaschi è il capocorrente suo e del capogruppo di Forza Italia Calzetta? La verità è che hanno preferito tacere per coprire i governanti della Regione Lazio!! Per questo non hanno informato tempestivamente il Consiglio; per questo non hanno mandato un rappresentante del Municipio alla riunione indetta al Comune di Roma per dire con forza: “NO, NOI QUESTA DISCARICA IN PIENO AGRO ROMANO, VICINO AL PIU IMPORTANTE SANTUARIO DI ROMA E A SOLI 200 METRI DALLE ABITAZIONI, NON LA VOGLIAMO E NON LA VOGLIONO I CITTADINI. DITE ALLA REGIONE DI CERCARE UN ALTRO SITO PIU’ IDONEO”.
Questo avrebbe dovuto fare un’amministrazione seria che ha a cuore il bene del territorio e dei suoi cittadini. E non latitare dietro a fragili scuse, tra l’altro facilmente confutabili. Troppo facile aggredire per celare le proprie responsabilità. Se hanno il coraggio, lo dicano chiaramente ai cittadini, come abbiamo fatto noi, che la discarica qui non la vogliono. E lo dicano al Consiglio straordinario sulla discarica che il centrosinistra ha richiesto urgentemente al Presidente Pollak, sulla data del quale vi informeremo puntualmente perché possiate partecipare.
Una cosa credo giochi sempre a favore di chi difende il vero: presentare le carte di quanto afferma, nero su bianco. Cosa che vi invito a fare consultando il mio sito dove ogni cosa asserita è puntualmente documentata.
Tutto il resto è solo strumentalizzazione politica… sulla pelle dei cittadini!


> torna su ......> torna alla Home page